GLI EFFETTI SPECIALI

elemento grafico blu per il titolo degli effetti speciali
elemento grafico rosso per il titolo degli effetti speciali

LA CAMERA MULTIPIANO

Ti trovi nella sezione “Le tecniche"

PRENOTALO ORA!

PRENOTALO ORA!

PROMOZIONE

PRENOTALO ORA!

PRENOTALO ORA!

PROMOZIONE

Banner del libro “Storia degli effetti speciali” - Giovanni Toro
Banner del libro “Storia degli effetti speciali” - Giovanni Toro

Non sempre gli effetti speciali vengono utilizzati per creare elementi o visioni del fantastico.; molte volte, invece, sono sfruttati per simulare la realtà che ci circonda. Probabilmente è in questa chiave di lettura che vanno ricercate le motivazioni che spinsero la Disney ad inventare, nel 1933, un macchinario chiamato: Camera Multipiano (Multiplane Camera)

Walt Disney, da parte sua, pretendeva molto dalle proprie produzioni che si potevano appoggiare ad un settore della Disney dedicato proprio allo sviluppo degli effetti speciali cinematografici (la Disney fu la prima ad investire tempo e denaro in questo campo). Walt, voleva quindi realizzare a tutti i costi dei cartoni animati sempre più accurati, al di là di ogni possibile immaginazione, e le sue continue richieste costringeva i tecnici della Disney a trovare delle soluzioni che poi si rivelavano innovative, sia per l’azienda stessa che poi la cinematografia in generale. 

Ci si chiese se, nel campo dell’animazione, si potesse fare qualcosa di più. Ad esempio se fosse stato possibile  rendere dei disegni bidimensionali in qualcosa di tridimensionale; qualcosa che sembrasse tangibile e avesse, agli occhi dello spettatore, una propria tangibilità, come gli elementi del mondo reale. 

Fu Ub Iwerks a farsi queste domande e ad iniziare a fornire anche delle risposte. 

Ub Iwerks mentre disegna Topolino

Ub Iwerks mentre disegna Topolino

Disegnatore e fumettista presso la Disney, Ub Iwerks è conosciuto nella storia dell’animazione per aver creato molti personaggi Disney e per aver contribuito, nel 1928, a disegnare le sembianze del topo più famoso al mondo: Mickey Mouse (Topolino).  

Non tutti sanno però che oltre ad essere un bravissimo disegnatore era anche un ottimo tecnico degli effetti in grado di costruire delle macchine che, in casa Disney e a più livelli, avevano snellito i flussi lavorativi dei disegnatori. 

Inoltre, aveva inventato anche alcune tecniche di ripresa che poi furono usate con successo in film come Mary Poppins (idem, Usa 1964) di Robert Stevenson, I Tre Caballeros (The Three Caballeros, Usa 1944) e La carica dei 101 (101 Dalmatians, Usa 1961). Lavorò anche come tecnico degli effetti speciali nel film Gli Uccelli (The Birds, Usa 1963) di Alfred Hitchcock realizzandoli personalmente.

La Camera Multipiano è però la sua invenzione più conosciuta e diede alla Disney del 1933, la possibilità di realizzare dei movimenti di camera (carrellate) all’interno delle sequenze animate.

Una sequenza tratta da "Gli Uccelli"

Una sequenza tratta da "Gli Uccelli" (1963)

Una versione più semplice di questo macchinario era stato già costruito, per la verità, nel 1926 dalla regista tedesca Lotte Reiniger specializzata nell’animazione con le silhouette, che lo usò per il film di animazione intitolato: The adventures of prince Achmed.

Lotte Reiniger
Un frame del film animato The adventures of prince Achmed

In alto la regista Lotte Reiniger.

In basso il suo "The adventures of prince Achmed"

Anche un suo collega e collaboratore, Berthold Bartosch, utilizzò un macchinario simile per L’idee (1932). Il dispositivo di Reiniger, e quello di Bartosh, erano molto semplici e consistevano in un piano (una sorta di tavolino) sul quale a volte venivano fatti scorrere gli elementi che dovevano essere animati. Gli elementi venivano poi ripresi a passo uno (uno scatto fotografico, un cambio di posizione sul soggetto da animare, un altro scatto fotografico, e così via) mentre tutto il piano si spostava lateralmente realizzando così delle carrellate virtuali. 

Nel 1933 Ub Iwerks ne amplia le premesse costruendo un sistema diverso costruito con i pezzi di una vecchia Chevrolet ma che diede degli ottimi risultati e venne utilizzata in diversi lavori di animazione a metà degli anni Trenta come Willie Whopper (dello Iwerks Studio's)  e ComiColor.

Il cartone animato Willie Whoopper

Il cartone animato Willie Whopper

La serie di cartoni animati ComiColor

La serie di cartoni animati ComiColor

Una versione ancora più articolata della struttura fu sviluppata da William Garity, tecnico degli studi Disney e ingegnere audio che portò la Camera multipiano ad una maturità definitiva. La cinepresa è adesso posta in alto sopra una struttura composta da vari livelli trasparenti, disposti ad una certa distanza tra loro. Ogni livello può muoversi in maniera autonoma e contiene degli elementi dipinti come alberi, montagne, case, colline e tutto quello che poteva essere necessario alla messa in scena della storia. Una volta ricreato, ad esempio, un panorama con tutti gli elementi separati sui vari livelli ( la base del sottobosco nel primo livello - quello più vicino alla cinepresa - gli alberi sul secondo livello, la collina sul terzo, le montagne sul quarto e così via) era possibile entravi dentro o uscirvi, semplicemente avvicinando o allontanando i livelli dall’obiettivo della cinepresa.

La macchina di William Garity in azione (video)

Le possibilità creative nel campo dell’animazione diventarono di fatto immense. Con questo macchinario era infatti possibile effettuare delle riprese aeree (si poteva partire dalle nuvole e finire all’interno di un’abitazione in maniera parecchio semplice), realizzare dei movimenti di camera impensabili fino a qualche anno prima. Adesso era possibile muovere la cinepresa davvero con maggiori libertà offrendo alle storie un impatto visivo maggiore, più emotivo, più coinvolgente. 

La Camera multipiano fu utilizzata con successo nei capolavori della Disney di quel tempo: Pinocchio, Fantasia, Bambi, Il libro della giungla, Alice nel paese delle meraviglie, Peter Pan e così via.

Anche lo Studio Fleischer, quelli di Betty Boop e di Braccio di Ferro, costruirono la loro Camera multipiano che venne chiamata Camera Stereo-ottica (Stereoptical Camera). Quella della Disney però rimane, a livello storico, la più conosciuta perché è quella che ha portato su un altro pianeta la creatività e le storie degli artisti Disney. 

La Camera Stereottica dei Fleischer

La Camera Stereo-ottica dei Fleischer

La macchina fu utilizzata per l’ultima volta nel lungometraggio animato La sirenetta (The Little Mermaid, Usa 1989) e poi abbandonata per essere rimpiazzata dalle nuove tecnologie in grado di fare lo stesso lavoro ma con maggiore precisione e maggiori possibilità creative.

Il poster del lungometraggio animato "La Sirenetta"

La Camera Stereottica dei Fleischer

PROMOZIONE

PROMOZIONE

Cerca qui altri argomenti che possono interessarti!


APPROFONDISCI I TEMI DELL’ ARTICOLO

CON I PRODOTTI AMAZON E SOSTIENI IL SITO!

TUTTO DISNEY

UB IWERKS

MAX FLEISCHER

Amazon promo: Tutto Disney
Amazon promo: Ub Iwerks
Amazon promo: Max Fleischer
Logo "Gli Effetti Speciali" - il logo del sito sugli effetti speciali www.glieffettispeciali.it

Benvenuti su "Gli Effetti Speciali.it”, sito dedicato alle tecniche, alla storia degli effetti speciali, agli artisti e ai personaggi 

che hanno trasformato la narrazione cinematografica e televisiva in qualcosa di magico e immaginifico. Buona navigazione!


Le immagini, i video e le animazioni presenti, sono di proprietà dei rispettivi autori  

o detentori dei diritti e vengono utilizzati solo a fini divulgati e/o didattici.

Il sito “Gli Effetti Speciali” non è un periodico e quindi non rappresenta una pubblicazione con cadenza regolare. 

Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione di contenuti o testi è SEVERAMENTE vietata.

Grafica/Web Design/Contenuti: Giovanni Toro - Copyright © 2017-2019

Contattaci | Pagina Facebook | Twitter | Privacy


PROUDLY MADE WITH SPARKLE

Logo Sparkle - il software con il quale è stato realizzato questo sito