Banner per libro Storia degli effetti speciali - dai fratelli Meliès ad Avatar - Nicola Pesce Editore
Pulsante torna alla pagina principale

Ti trovi in “I PROTAGONISTI DELL’EFFETTO SPECIALE”

Dennis Muren
Dennis Muren

Dennis Muren

    Nato a Glendale, in California, nel 1946 sviluppa la sua passione per il film-making e gli effetti speciali già da giovanissimo.  Studia materie aziendali presso il Pasadena City College e nello stesso tempo realizza un cortometraggio di fantascienza in 16mm che verrà poi distribuito dalla Tonylyn, una casa di distribuzione indipendente americana. Il titolo del corto è Equinox e viene realizzato con una cifra orientativa di 6500$. Il cortometraggio è così interessante che la Tonylyn decide di trasformarlo in una versione da 35mm da distribuire nelle sale e chiede l’aggiunta di altre sequenze per portalo ad una durata più compatibile con gli standard del grande schermo. Dennis raccoglie così dei soldi grazie all’aiuto di alcuni suoi amici e realizza le scene aggiuntive, spendendo in totale la somma di 8000$.  Il film recupererà le somme spese diventando di fatto un piccolo cult. 

​

    Dennis ha scritto e diretto il film ma il suo coinvolgimento maggiore è stato nella realizzazione degli effetti, suo maggior campo d’interesse. Continua quindi a sperimentare ancora e questa sua passione lo porta a fare dei piccoli lavori part-time in televisione occupandosi sempre di effetti speciali. Dopo il diploma, decide di cercare lavoro in questo campo ma non è così facile da trovare e riuscirà solo a coltivare delle collaborazioni saltuarie, soprattutto con la Cascade Pictures, una società che lavora nel campo della pubblicità televisiva. 

​

    La svolta arriva però quando George Lucas decide di realizzare Star Wars e mettere in piedi un gruppo di artisti che poi fonderanno la futura  ILM (Industrial, Light & Magic)

​

    Dennis racconta che seppe della realizzazione di questo film da un passa parola: stavano cercando gente da assumere. Dopo aver preso contatto con il gruppo, fu ricevuto da John Dykstra (supervisore agli effetti ) e da Richard Edlund (1° cameraman in miniature ed effetti ottici) che gli chiesero cosa sapesse fare (in quel periodo non avevano ancora iniziato le riprese e si stavano occupando solo di realizzare i modelli del film presso Van Nuys, in California). 

​

    Dennis si vedeva come uno che poteva fare un po’ di tutto ma visto che dall’incontro era emersa l’esigenza di occupare un posto come  operatore degli effetti speciali, decise di proporsi per occupare proprio quel posto e dopo aver fatto vedere alcuni dei suoi lavori, i due decisero di farlo entrare nel gruppo. Inizialmente fu incaricato di fare alcuni camera test sulla nuova cinepresa che stavano costruendo (la Dykstraflex) per capire se tutto funzionasse al meglio soprattutto facendo delle prove con le ottiche e con l’illuminazione. 

    La costruzione della nuova camera stava richiedendo molto tempo e assemblarla fu parecchio complesso visto che si stava realizzando  una cinepresa che era controllata da 11 motori e che poteva oscillare a destra e a sinistra e salire su e giù con l’utilizzo anche di un computer. Nell’attesa, il nostro Muren iniziò a riprendere alcuni modelli per vederne i risultati in pellicola e si ritrovò a lavorare nel reparto di ripresa per le miniature e gli effetti ottici (sarà accreditato nel film come 2° cameraman). 

​

    Iniziò così i suoi primi passi nell’universo di Star Wars dove  imparò i segreti del mestiere, crescendo di pari passo con la società e con i ragazzi di Van Nuys.

    La pellicola di Lucas fu un successo e Dennis Muren trovò nella ILM il suo habitat naturale diventando nel corso degli anni supervisore e direttore creativo per gli effetti speciali della società.

​

Il poster di Equinox, il cortometraggio di Dennis Muren

Un frame del film di Dennis Muren, Equinox

Un frame del cortometraggio

Il poster del cortometraggio Equinox
Il logo della Tonylyn così come appare tra il 1980 e il 1991

Il logo della Tonylyn così come appare tra il 1980 e il 1991

Muren davanti al modello della Death Star (la Morte Nera)

Muren davanti al modello della Death Star (la Morte Nera)

Star Wars, il poster originale

Il poster originale di Star Wars (Guerre Stellari)

Banner per libro Storia degli effetti speciali - dai fratelli Meliès ad Avatar - Nicola Pesce Editore

    Nel 1985 si occupa degli effetti di Capitan EO, un film di fantascienza proiettato nel parco a tema Disney in 3D/4D con Michael Jackson diretto da Francis Ford Coppola e prodotto da George Lucas.

​

    Il suo apporto fondamentale però arriva quando i tempi sono maturi per traghettare gli effetti speciali verso quelli digitali, gettando le basi dei futuri effetti con due pellicole che hanno fatto la storia del cinema: Terminator 2: Il giorno del giudizio di James Cameron e Jurassic Park di Steven Spielberg

​

    In Terminator, Muren contribuì a realizzare le scene che vedevano il T-1000 liquefarsi in diverse occasioni, mostrando all’industria cinematografica statunitense gli importanti progressi che la ILM era riuscita a raggiungere. Si devono invece a lui i  dinosauri digitali di Jurassic Park e la decisione di Spielberg nel non adottare l’animazione in stop-motion perché poco reale rispetto al tema che voleva trattare sul grande schermo.

​

    Dopo aver lavorato in film come Incontri Ravvicinati del Terzo Tipo, Battlestar Galactica (la serie tv degli anni 80 – non accreditato), Willow, Salto nel buio, L’impero del sole, Ghostbusters II, Casper, Twister e Piramide di Paura, ottiene come primo artista degli effetti speciali in assoluto, l’onore di avere una stella nella Hollywood Walk of Fame.

        Molte delle sue pellicole sono diventate poi un cult della cinematografia mondiale ottenendo parecchi Oscar. Li ottiene infatti come direttore degli effetti e comparto miniature e effetti ottici per L’impero colpisce ancora (di Irvin Kershner, 1980); come supervisore agli effetti per E.T. L’extra-terrestre (Steven Spielberg, 1982); come effetti visivi per Il Ritorno dello Jedi (Richard Marquand, 1983); ancora come supervisore agli effetti per Indiana Jones e il tempio maledetto (Steven Spielberg, 1984), Salto nel buio (Joe Dante, 1987), The Abyss (James Cameron, 1989), Terminator 2: Il giorno del giudizio (James Cameron, 1991) e Jurassic Park (Steven Spielberg, 1993)

​

    Dennis Muren vive attualmente in California con la moglie Zara, una documentarista britannica,  e la sua famiglia è composta da due figli avuti con la stessa moglie.

Un frame del film Inner Space (Salto nel buio)
Il poster di Capitan EO

Il poster di Capitan EO

Nella Hollywood Walk of Fame insieme a Lucas e Cameron

Nella Hollywood Walk of Fame insieme a Lucas e Cameron

Un frame del film Inner Space (Salto nel buio)

Poster di E.T. L'extra-terrestre
Poster di Salto nel buio
Poster di Ghostbusters 2
Poster di Jurassic Park
Poster di Terminator 2: Il giorno del giudizio
Poster di Incontri ravvicinati del terzo tipo

GLI EFFETTI SPECIALI

Le immagini, i video, le animazioni sono di proprietà dei rispettivi autori  o detentori dei diritti e vengono utilizzati solo a fini divulgati e/o didattici.

Il sito “Gli Effetti Speciali” non è un periodico e non rappresenta una  pubblicazione con cadenza regolare. 

L’immagine di sfondo è tratta dal film  ET L’extra-terrestre ( 1982). Tutti i diritti sono riservati. Qualsiasi riproduzione è vietata.

Copyright © 2017-2019 

Contattaci  | Pagina Facebook